Turchia, Benvenuti: “Referendum del 16 aprile su Erdogan trasforma Paese”

Il parere di Bianca Benvenuti, intervistata sulla rivista online dell'Istituto affari internazionali (Iai) di Roma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il 16 aprile il popolo turco sarà chiamato alle urne per decidere con un referendum se approvare la modifica costituzionale proposta dal governo del Partito della giustizia e dello sviluppo (Akp) “per trasformare la Turchia in una Repubblica presidenziale, legittimando il già effettivo potere del presidente Recep Tayyip Erdogan”. La riforma costituzionale, osserva Bianca Benvenuti su ‘Affari internazionali’, rivista online dell’Istituto affari internazionali (Iai) di Roma, “cambierà la forma di governo del Paese, ampliando considerevolmente i poteri del presidente della Repubblica. La carica così riformata sarà rinnovabile per due mandati, di cinque anni l’uno; inoltre, al nuovo presidente sarà consentito di dichiarare lo stato d’emergenza, sciogliere le Camere, nominare ministri e funzionari del governo”.

Secondo il nuovo assetto costituzionale, il presidente “potrà mantenere il legame con un partito politico: una clausola essenziale- spiega la ricercatrice dell’Istituto affari internazionali- per Erdogan, che potrebbe così riassumere la guida dell’Akp, abbandonata dopo la sua elezione a presidente della Repubblica nel 2014. Il partito di governo sostiene che la proposta darà al Paese un leader forte che potrà riportare stabilità in una Turchia martoriata da attacchi terroristici e da una guerra civile nel sud-est. Erdogan si confermerebbe così uomo forte della Turchia, istituzionalizzando quello strapotere che ha costruito negli ultimi dieci anni”.

(www.agensir.it)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»