Taglio stipendi parlamentari, il ddl torna in Commissione. Di Battista: “Gentaglia”

L'aula della Camera ha approvato la richiesta di un ritorno in commissione del ddl Lombardi sul dimezzamento degli stipendi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – L’aula della Camera ha approvato la richiesta di un ritorno in commissione del ddl Lombardi sul dimezzamento degli stipendi dei parlamentari.

LOMBARDI: RITORNO IN COMMISSIONE INACCETTABILE

“Adesso capiamo l’osceno giochetto in comitato dei 9, in cui la maggioranza ha votato per non votare per non dare i pareri sugli emendamenti presentati”, aveva detto la deputata M5s, Roberta Lombardi, intervenendo in aula dopo la richiesta di un ritorno in commissione del ddl sul dimezzamento degli stipendi ai parlamentari. Per Lombardi governo e maggioranza fanno “il lavoro sporco al posto del Pd”. Quindi, “chiediamo che si tratti questo tema e rigettiamo una proposta inaccettabile“.

DI BATTISTA: PARLAMENTO DI GENTAGLIA PERICOLOSA

Alessandro_Di_Battista
A. Di Battista

“Sono indignato. Spero che sia l’ultima volta che avremo il dispiacere di vedere questa gentaglia all’opera. Non hanno nemmeno un briciolo di coraggio, non hanno neppure il coraggio di votare la nostra proposta. Rinviano in commissione. Sono gentaglia, sono pericolosi perché non sono liberi”, ha commentato Alessandro Di Battista arringando i Cinque Stelle in piazza Montecitorio.


Presente alla Camera anche Beppe Grillo. “Guardo con affetto quello che succede”, aveva detto al suo arrivo.

LEGGI ANCHE

Taglio delle indennità, Pomicino: “E’ un’aggressione, si guadagna di più in banca”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»