Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rete Ferroviaria Italiana: “Le rotaie sono rotte, possibile cedimento strutturale”

ROMA - "Le rotaie sono rotte, ma è prematuro stabilire se sia stata la causa o l’effetto di quello che
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le rotaie sono rotte, ma è prematuro stabilire se sia stata la causa o l’effetto di quello che è avvenuto”. A riferirlo alla stampa sono i tecnici di “Rete Ferroviaria Italiana”, a seguito di un sopralluogo sul luogo dove, poco prima delle 7 di questa mattina, è deragliato un treno pendolari diretto a Milano

A poche ore dall’incidente, l’ipotesi più accreditata resta quella del “cedimento strutturale”: stando alle ricostruzioni, infatti, sembra che il convoglio Trenord diretto a Milano abbia percorso circa 2,3 km con le ruote fuori dalle rotaie prima di colpire un palo dell’alimentazione elettrica.

“Dai primi rilievi- hanno detto i responsabili Rfi- è stato rilevato un cedimento infrastrutturale alla rotaia, ma è prematuro per stabilire se l’interazione ruota-rotaia sia stata la causa dell’incidente”.

Secondo il responsabile Rfi, nonostante l’alto numero di treni che percorre giornalmente la tratta “non è possibile parlare di rete stressata. La manutenzione- spiega-viene fatta regolarmente, con cicli di monitoraggio costanti”.

Il cedimento strutturale, quindi, “può essere causato da mille motivi” ma è ancora presto per escludere l’errore umano: “Adesso le priorità sono altre, poi cercheremo di andare a fondo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»