Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Parco dell’Aspromonte, parte la fase 2 della Carta europea del turismo sostenibile

L'obiettivo è coinvolgere in modo sempre più diretto, operatori, imprese, aziende, associazioni del territorio, nello sviluppo sostenibile e nella gestione del turismo nell'Area protetta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – Con la firma della convenzione operativa tra Federarchi Europarc Italia ed Ente Parco nazionale d’Aspromonte, prende avvio la fase 2 della Carta europea del turismo sostenibile. L’obiettivo è coinvolgere in modo sempre più diretto, operatori, imprese, aziende, associazioni del territorio, nello sviluppo sostenibile e nella gestione del turismo nell’Area protetta. Il Parco nazionale dell’Aspromonte ha conseguito il riconoscimento Cets fase 1 nell’anno 2017 ed è stato l’unico Parco, individuato per il 2020, a beneficiare di un finanziamento del ministero dell’Ambiente per lo sviluppo della nuova fase, in stretta collaborazione con Federparchi. Nella fase 2 la certificazione Cets può essere rilasciata alle strutture turistiche presenti nei Parchi certificati, che possiedono requisiti di base definiti dalla Carta e che si impegnano ad applicare i principi del turismo sostenibile, con la sottoscrizione di un Piano delle Azioni per la propria attività.

LEGGI ANCHE: Al parco dell’Aspromonte per ammirare i rapaci di ritorno dall’Africa

Per la realizzazione partecipata del percorso di adesione alla Cets saranno organizzati eventi di formazione specifici indirizzati alle aziende locali, nel quale verranno illustrate le azioni promosse, alle quali seguiranno processi di condivisione, attuazione e monitoraggio. Con l’avvio della fase 2 della Cets nel Parco nazionale dell’Aspromonte, gli operatori turistici, le aziende, le associazioni, diventeranno protagonisti potendo ambire a ricevere il riconoscimento, entrando a far parte del processo virtuoso della Cets e contribuendo ad una programmazione omogenea ed efficace delle attività, nell’ottica dello sviluppo del turismo sostenibile del territorio dell’area protetta.

LEGGI ANCHE: In Aspromonte la quercia di 943 anni, è la più vecchia al mondo

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»