A Genova obbligo di mascherine nel centro storico fino al 4 ottobre

È quanto emerge dall’ordinanza firmata ieri dal governatore Giovanni Toti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

GENOVA – L’obbligo di indossare la mascherina all’aperto nel centro storico di Genova e nell’area del porto antico resterà in vigore almeno fino a domenica 4 ottobre, salvo nuove decisioni. E’ quanto emerge dall’ordinanza firmata ieri dal governatore Giovanni Toti. Nel provvedimento, che ricalca in parte le misure già prese per arginare il cluster del quartiere Umbertino della Spezia, si vietano anche tutte le manifestazioni pubbliche ed è previsto l’obbligo per tutti gli spettacoli al chiuso di pre-assegnare posti a sedere distanziati fino a un massimo di 200 persone. Misure che, in parte, potrebbero ostacolare le attività collaterali al prossimo Salone nautico, in programma alla Fiera di Genova dall’1 al 6 ottobre.

A differenza di quanto spiegato ieri dal sindaco Marco Bucci, inoltre, le vie che limitano il confine della “zona rossa” sono ricomprese tra quelle in cui va rispettato l’obbligo di mascherina. L’ordinanza regionale precisa che le protezioni alle vie respiratorie dovranno essere indossate, 24 ore su 24, all’aperto, nell’area a nord delle barriere doganali del porto e a sud di: via Marinai d’Italia, via Fanti d’Italia, via Andrea Doria, via Balbi, piazza della Nunziata, via Bensa, largo Zecca, via Cairoli lato sud, piazza della Meridiana, via Garibaldi lato sud, pizza Fontane Marose, via XXV Aprile, piazza Matteotti, via Porta Soprana, via del Colle, via Ravasco, via Madre di Dio, comprese le stesse vie.

Tra le conseguenze, anche la necessità di definire un nuovo percorso per il corteo organizzato per domani mattina dagli studenti.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»