Migranti, su accoglienza profughi governo avvia confronti

SAN MARINO -  Il governo spinge l'acceleratore sull'accoglienza profughi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SAN MARINO –  Il governo spinge l’acceleratore sull’accoglienza profughi e si confronta con Diocesi e Caritas per sondare in quali forme attuarla. All’indomani dell’approvazione unanime dell’Ordine del giorno che “ha recepito le linee d’intervento indicate dal segretario di Stato per gli Affari Esteri”, Pasquale Valentini, Palazzo Begni ,in una nota, ribadisce la “ferma volontà di procedere con determinazione ad un’azione significativa” di carattere umanitario.

A questo scopo, “attraverso un coordinamento già individuato a livello governativo- prosegue la segreteria di Stato- si sta impegnando, oltre che nell’individuazione di un sostegno economico da offrire attraverso le organizzazioni umanitarie maggiormente attive nelle aree coinvolte, a realizzare rapidamente forme di accoglienza, mirate soprattutto verso i minori”.

Già nella giornata di ieri si è così tenuto un primo incontro tra la delegazione di governo incaricata a coordinare le attività solidali, composta, oltre che da Valentini, dai segretari di Stato Gian Carlo Venturini, Francesco Mussoni e Giuseppe Morganti e i rappresentanti della Diocesi e della Caritas diocesana, “nel cui ambito- spiega la nota- si è iniziato un primo sondaggio sull’individuazione di forme di sostegno concreto in favore delle vittime di tale fenomeno, nell’ottica della sostenibilità e della reale possibilità di intervento”. Sono quindi previsti a breve ulteriori incontri “con associazioni ed enti particolarmente coinvolti nell’aiuto umanitario”, a conclusione dei quali “saranno rese pubbliche le iniziative di solidarietà maggiormente percorribili”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»