Tg Politico Parlamentare, edizione del 24 febbraio 2021

Il Dpcm di Pasqua, la stangata della Procura di Milano alle società di delivery: "I rider vanno assunti", le mamme italiane sono le più anziane d'Europa nell'edizione di oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ECCO IL DPCM DI PASQUA, ‘GRANDE PRUDENZA’

Sarà un Dpcm in vigore dal 6 marzo al 6 aprile a disciplinare il contrasto alla pandemia nel periodo Pasquale. A chiarirlo il ministro della Salute Roberto Speranza che alla Camera ha auspicato la collaborazione attiva di tutti, vera e propria arma in più per sconfiggere il Covid. In questa fase, ha detto Speranza, i vaccini hanno la priorità. “Finalmente vediamo la luce in fondo al tunnel, i ritardi non cambieranno l’esito della partita”, ha detto il titolare della Salute che tuttavia ha invitato ad essere chiari: “In questo ultimo miglio – ha detto Speranza – non possiamo assolutamente abbassare la guardia: non ci sono oggi le condizioni epidemiologiche per allentare le misure di contrasto alla pandemia”. Fondamentale, dunque, mantenere un approccio di grande prudenza.

LA PROCURA: I RIDER VANNO ASSUNTI

Basta pagamenti a consegna. I 60mila rider che percorrono in bici o in moto le città italiane dovranno essere assunti con un regolare contratto, che preveda tutte le tutele. Un’inchiesta della Procura della Repubblica di Milano ha indagato i rappresentati delle quattro principali aziende di consegne – Foodinho- Glovo, Uber Eats Italy, Just Eat Italy e Deliveroo Italy- ai quali sono state contestate ammende per 733 milioni e dati 90 giorni per adeguarsi alle prescrizioni modificando i rapporti di lavoro.

MAMME, LE ITALIANE LE PIÙ ANZIANE D’EUROPA

Le italiane diventano madri per la prima volta più tardi rispetto alle altre donne europee. A rilevarlo una ricerca Eurostat che tiene conto della fertilità in base all’età. In tutto il continente cresce l’età media, ora fissata a 29,4 anni, ma con differenze tra un Paese e l’altro. Bulgaria e Romania sono i Paesi in cui si diventa madri prima, rispettivamente a poco più di 26 anni e a quasi 27 anni. Mentre la prima gravidanza in Italia arriva in media 3 mesi dopo aver compiuto i 31 anni. La variazione maggiore rispetto al 2019 si è verificata in Estonia, dove l’età media è aumentata di un anno, mentre quella più piccola si è verificata in Slovacchia e Slovenia.

EFFETTO COVID, BOOM DI SERVIZI ONLINE

Insegnanti di musica online, autori di libri e rubriche digitali ma anche consulenti immobiliari, fiscali e finanziari, consulenti di digital marketing, produttori di eventi culturali in streaming o sui social. La pandemia manda tutti sul web. Secondo un recente studio, il 79,8% degli italiani ha fatto acquisti online nei primi mesi del 2020, tre volte tanto rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Le persone si rivolgono alla rete anche per comprare servizi, visto che il 63% degli acquisti ha inizio con un’interazione online.

CORDOGLIO PER LA SCOMPARSA DI ANTONIO CATRICALÀ

La politica piange Antonio Catricalà. L’ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio si è tolto la vita questa mattina nella sua casa a Roma nel quartiere Parioli. Da Zingaretti a Giorgia Meloni, passando per Berlusconi, il cordoglio è unanime. Il segretario dem lo ricorda come “un servitore dello Stato di rara intelligenza e profondità”, mentre la leader di Fratelli d’Italia si dice “incredula e scioccata”. Stesso sentimento per il presidente di Forza Italia ‘dolorosamente colpito’ dalla morte dell’ex presidente Antitrust.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»