Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Animali, insieme in vita e anche dopo: via libera alla tomba comune per cane e padrone

MILANO - Gli animali domestici dei cittadini lombardi potranno essere tumulati insieme ai loro padroni, o comunque secondo le disposizioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Gli animali domestici dei cittadini lombardi potranno essere tumulati insieme ai loro padroni, o comunque secondo le disposizioni del defunto o degli eredi. Sarà possibile insomma tumulare l’urna contenente le ceneri degli animali nella stessa tomba. Il via libera ieri in commissione regionale Sanità. “In base alla volontà dei loro proprietari o dei familiari, le ceneri degli animali d’affezione potranno essere deposte vicino alle spoglie delle persone con cui hanno condiviso l’intera esistenza”, dice il capogruppo di Forza Italia a Palazzo Pirelli, Gianluca Comazzi.

LEGGI ANCHE VIDEO | Usa, dopo 11 anni arriva la piccola Charlotte: ecco la reazione commovente del golden retriver

“In attesa dell’approvazione definitiva da parte del Consiglio- conclude l’esponente azzurro – siamo orgogliosi di questa proposta che rappresenta un grande passo avanti in materia di civiltà”. Soddisfazione anche da parte del M5S che con il proprio consigliere regionale Marco Fumagalli fa sapere come questo sia un atto di “grande sensibilità da parte dell’Istituzione regionale”. Tuttavia, resta la contrarietà grillina all’ultima parte della riforma sanitaria, che a detta di Fumagalli “risulta non in linea con la normativa nazionale”, ma soprattutto “sembra voler tutelare la lobby dell’industria del funerale rispetto a quella più artigianale fatta di cooperazione tra imprese dello stesso settore”, chiude il grillino.

LEGGI ANCHE In Italia esplode la Bulldog-mania: dieci utili consigli per proteggere i cani dal caldo

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»