Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Oms: “Entro marzo 2 milioni di morti in totale in Europa”

ospedale coronavirus
Poi lancia l'allarme sulle terapie intensive nel vecchio continente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se non si interverrà subito contro il Covid-19, entro marzo 2022 ci saranno due milioni di morti in totale per il coronavirus in Europa“. A lanciare l’allarme è l’Organizzazione mondiale della sanità. L’Oms scrive in una nota che “la regione europea rimane nella morsa della pandemia da Covid-19. La scorsa settimana le morti attribuite al virus sono aumentate di 4.200 al giorno, raddoppiando la cifra di 2.100 al giorno della fine di settembre. Nel frattempo la somma dei morti per coronavirus ha passato il limite del milione e mezzo nei 53 Paesi della regione”. L’Organizzazione mondiale della Sanità si sofferma poi sulle terapie intensive e precisa che “possiamo prevedere che ci sarà una pressione elevata o estrema sui posti letto negli ospedali in 25 paesi europei e una pressione elevata o estrema sulle unità di terapia intensiva in 49 dei 53 paesi fra ora e il 1 marzo 2022”. Secondo l’Oms “assumere i vaccini standard e le dosi ‘booster’ è l’unico modo per invertire la tendenza e convivere con il virus”.

LEGGI ANCHE: Covid, l’allarme degli anestesisti: “Terapie intensive rischiano intasamento entro un mese”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»