VIDEO | Roma, 600 persone in corteo a Monteverde per la riapertura della scuola Girolami

Dopo quasi otto mesi dal crollo del controsoffitto in una classe, non si ha ancora una data di inizio lavori e una garanzia sul futuro della scuola
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una folla colorata e pacifica ha invaso questa mattina le strade di Monteverde per chiedere a gran voce una risposta da parte delle istituzioni in merito alla riapertura della scuola Girolami del’I.C. Margherita Hack del XII municipio di Roma.

Dopo quasi otto mesi dal crollo del controsoffitto in una classe dell’infanzia e la chiusura dell’edificio del plesso centrale che raccoglieva circa 800 alunni, a oggi il palazzo è stato riaperto solo in minima parte. Non si ha ancora una data di inizio lavori e una garanzia sul futuro della scuola, che rischia di non riaprire neanche per l’anno scolastico 2020/2021, con pesanti ripercussioni sulle iscrizioni e sui posti di lavoro.

Oltre 600 persone tra bambini, genitori, docenti, nonni, commercianti della zona, associazioni di cittadini e comitati delle scuole limitrofe, hanno manifestato indossando una maglietta bianca con la scritta #RiapriamolaGirolami e sfilato per le strade del quartiere per far sentire la loro voce e sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sulla situazione di grave disagio che stanno vivendo da ben 200 giorni. Il corteo ha raggiunto il cortile della Girolami dove era allestita una mostra con i disegni degli alunni ed è terminato in un girotondo dei bambini che si sono stretti in un simbolico abbraccio intorno alla loro scuola.

All’evento ha preso parte anche la coordinatrice nazionale scuola di Cittadinanzattiva, Adriana Bizzarri, che ha dichiarato: “È inaccettabile che nel 2019 si debba assistere a vicende del genere. I crolli nelle scuole, purtroppo, sono ancora all’ordine del giorno e dobbiamo fare in modo che non avvengano mai più. Pretendiamo scuole sicure, dove poter accompagnare i bambini senza il pensiero che possa accadere qualcosa di grave. Non possiamo lasciare queste famiglie sole a combattere contro la burocrazia. Occorre vigilare affinché le istituzioni accelerino le procedure previste, semplificando i meccanismi di accesso ai fondi e offrendo supporto tecnico per i bandi, la progettazione e l’esecuzione dei lavori”.

Un appello al municipio XII e al Campidoglio è partito dal dirigente scolastico della Margherita Hack, Massimo La Rocca, che ha tenuto a sottolineare quanto sia importante ora accelerare i tempi per la ricostruzione: “Alla luce delle recenti dichiarazioni della presidente del XII Municipio Silvia Crescimanno si sottolinea che i lavori non sono ancora stati avviati, anzi si sono bloccati il 10 settembre con la riapertura di una piccola porzione della scuola. A tutt’oggi non si ha certezza della valutazione definitiva delle opere di riqualificazione per riaprire il plesso scolastico, ad oltre 7 mesi dalla chiusura dell’edificio. Fino al 20 novembre in commissione trasparenza di Roma Capitale non era emersa nessuna novità a riguardo. Invitiamo la presidente Crescimanno a scuola per verificare lo stato di avanzamento dei lavori e darci finalmente una tempistica precisa. Non ci arrendiamo. Vogliamo tornare a far vivere questi corridoi, a sentire le voci dei bambini che animano la scuola. Perché questa in fondo è la loro seconda casa ed hanno diritto a rientrarci nel più breve tempo possibile, protetti da un ambiente sicuro e accogliente”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»