Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Agenzia europea per l’ambiente: lo smog uccide 467mila persone l’anno

L'inquinamento atmosferico rimane il più grande pericolo per la salute ambientale in Europa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

smog_trafficoROMA – L’inquinamento atmosferico ha un impatto significativo sulla salute dei cittadini europei, in particolare nelle aree urbane. Mentre la qualità dell’aria sta lentamente migliorando, l’inquinamento atmosferico rimane il più grande pericolo per la salute ambientale in Europa, con una conseguente minore qualità della vita a causa di malattie e una stima di 467mila morti premature ogni anno. E’ quanto emerge dal rapporto ‘Qualita’ dell’aria in Europa 2016′, pubblicato oggi dall’Agenzia europea per l’ambiente (Eea).

“Le riduzioni di emissioni hanno portato a miglioramenti nella qualità dell’aria in Europa, ma non abbastanza per evitare danni inaccettabili per la salute umana e l’ambiente. Abbiamo bisogno di affrontare alla radice le cause di inquinamento atmosferico, che richiede una trasformazione fondamentale e innovativo dei nostri sistemi di mobilità, dell’energia e degli alimentari”, spiega Hans Bruyninckx, direttore esecutivo dell’Agenzia europea.

LEGGI ANCHE

Lo smog causa 6,5 milioni di morti l’anno

La nuova mappa (spaziale) dell’inquinamento della Terra VIDEO

Infertilità maschile, l’inquinamento è tra le cause VIDEO

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»