Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dj Fabo, attesa per la sentenza della Consulta su Marco Cappato

La Consulta oggi dovrà stabilire se aiutare un malato terminale e' un reato penale oppure no.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Con Fabiano abbiamo ottenuto questa occasione che sarà comunque di chiarezza. Spetterà in ogni caso al Parlamento assumersi le proprie responsabilità: eutanasialegale.it aspetta da 5 anni di essere discussa. #FaboLibero #LiberiFinoAllaFine”. Lo scrive su twitter Marco Cappato che posta alcune foto della sua presenza nella sede della Corte costituzionale. La Consulta, infatti, oggi dovrà stabilire se aiutare un malato terminale e’ un reato penale oppure no.

LEGGI ANCHE:

Dj Fabo, il premier Conte contro Cappato nel processo per istigazione al suicidio

Dj Fabo, il governo si costituisce davanti alla consulta in difesa del reato di “aiuto al suicidio”

Dj Fabo, Cappato: “Preferirei essere condannato”

La mamma di Dj Fabo: “Magistrati, vergognatevi. Grazie Marco Cappato”

DJ FABO. CAPPATO: QUI PER ASPETTARE E RISPETTARE DECISIONE CONSULTA

“Siamo qui per aspettare e rispettare la decisione della Corte costituzionale. In ogni caso, c’e’ la responsabilita’ della politica e del parlamento, di una legge di iniziativa popolare depositata da 5 anni che non e’ mai stata discussa neanche un minuto. Qualunque sia la decisione che prenderà la Consulta, e abbiamo la speranza che siano accolte le nostre ragioni, poi ci sara’ una responsabilità della politica: se proseguire questa condizione di inerzia o assumersi le proprie responsabilità di fronte a una legge del 1930 che non era concepita per regolare casi come questi”. Lo dice Marco Cappato, ai microfoni di Rainews 24, mentre si trova al palazzo della Consulta per assistere all’udienza che esaminerà il quesito sollevato dal suo caso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»