Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lamorgese: “L’odio in rete è sempre più invadente, aggiornare legge Mancino”

luciana lamorgese
Il ministro dell'Interno in audizione nella Commissione presieduta da Liliana Segre fa il punto sui reati d'odio via web
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Negli ultimi anni il fenomeno dell’incitamento all’odio per discriminazione è divenuto sempre più invadente e corrosivo. Preoccupa la portata globale raggiunta in pochi anni, favorita dalle tecnologie della comunicazione e dall’anonimato che la rete offre. L’estrema pericolosità del discorso d’odio sta nel fatto che scatena pulsioni antisociali potenzialmente capaci di alimentare forme emulative incontrollate“. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, in audizione in Commissione straordinaria intolleranza, razzismo, antisemitismo, istigazione all’odio e alla violenza in Senato, presieduta da Liliana Segre, sul fenomeno dei discorsi d’odio.

FACEBOOK PER INSULTARE, TELEGRAM PER SCAMBIARE MATERIALE

La titolare del Viminale, dopo aver ricordato che “quello via web è l’unico reato che durante la pandemia ha conosciuto un aumento“, è entrata nello specifico delle piattaforme: “Il social network maggiormente utilizzato per frasi ingiuriose è Facebook. Telegram è invece la piattaforma preferita per la diffusione di materiale multimediale e di informazioni riservate perché consente agli utenti di restare anonimi. La tutela della privacy degli utenti – garantita da Telegram – costituisce una serie difficoltà investigativa per il conseguimento dei reati d’odio“.

LA PROPOSTA DI AGGIORNARE LA LEGGE MANCINO

La legge Mancino è del 1993, allora non c’era l’istigazione all’odio e tutti gli altri reati in rete. Per questo tenendo conto di quanto si sia evoluta la società, nulla toglie che ci possano essere modifiche”, ha concluso Lamorgese.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»