Giornata mondiale del libro, a Roma il festival ‘Leggere, sempre’

Oggi e domani alla Casa delle Letterature incontri, mostre e approfondimenti con grandi scrittori
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Oggi è la Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore. Per celebrarla, l’Istituzione Biblioteche di Roma, nel suo 25esimo compleanno, in collaborazione con l’Associazione Italiana Editori (Aie), ha organizzato in diretta streaming ‘Leggere, sempre’, un festival in due giorni (oggi e domani) dedicato al piacere del leggere e alle biblioteche di pubblica lettura.

Una due giorni con incontri e approfondimenti che ci condurranno in un viaggio tra i libri, le biblioteche e la città di Roma attraverso numerose letture realizzate in collaborazione con Romaeuropa Festival e che si inserisce all’interno dell’iniziativa Maggio dei Libri, organizzata dal Centro per il Libro e la Lettura. L’agenzia Dire ne ha parlato con Simona Cives, responsabile della Casa delle Letterature di Roma.

Questo il programma:

VENERDI’ 

10.30 – Lectio magistralis ‘La biblioteca come metafora’, con Alberto Manguel. Traduzione consecutiva di Marina Astrologo 

11.00 – ‘Trame della lettura’, Inaugurazione della mostra di Luisa Longo 

11.30 – ‘La meravigliosa solitudine della lettura’, con Lina Bolzoni, a partire dal libro Una meravigliosa solitudine. L’arte di leggere nell’Europa moderna (Einaudi)

12.00 – Noemi Francesca legge Marcel Proust, Il piacere della lettura (Feltrinelli)

12.15 – Il piacere dei classici, con Daria Galateria, a partire dall’ultimo libro di Amélie Nothomb, Gli aerostati (Voland)

12.45 – Lorenzo Terenzi legge Gustave Flaubert, Bibliomania in Storie di libri amati, misteriosi, maledetti (Einaudi)

Gabriele Paolocà legge Anatole France, Bibliofilia in Storie di libri amati, misteriosi, maledetti (Einaudi)

Federica Cassini legge Marguerite Yourcenar, Memorie di Adriano (Einaudi)

Riccardo Festa legge Stuart M. Kaminski, L’uomo che odiava i libri in Storie di libri amati, misteriosi, maledetti (Einaudi, 2011)

14.30 – Roghi di libri e di anime, con Richard Ovenden e Marino Sinibaldi, a partire dal libro Bruciare libri (Solferino). Traduzione consecutiva di Marina Astrologo

15.15 – Alessandra Langellotti legge Hermann Hesse, L’uomo con molti libri in Storie di libri amati, misteriosi, maledetti (Einaudi)

Anna Barenghi legge Isaac Asimov, Chissà come si divertivano in Storie di libri amati, misteriosi, maledetti (Einaudi)

Gioia Salvatori legge Mauro Giancaspro, Nel paese dove tutti vogliono leggere in Storie di libri amati, misteriosi, maledetti (Einaudi)

Gioia Salvatori legge Giuseppe Pontiggia, Leggere in L’isola volante (Mondadori)

15.35 – ‘Leggere in uno scatto’. Premiazione del concorso fotografico indetto da Biblioteche di Roma in occasione della Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore

16.05 – I luoghi di Plautilla, con Melania Mazzucco, a partire dal libro L’architettrice (Einaudi)

16.35 – Maestre d’amore, con Nadia Fusini, a partire dal libro Maestre d’amore. Giulietta, Ofelia, Desdemona e le altre (Einaudi)

17.05 – Federica Cassini legge Virginia Woolf, Come si legge un libro? in Il lettore comune (Il Melangolo)

Gabriele Paolocà legge Alberto Vigevani, La febbre dei libri.   Memorie di un libraio bibliofilo (Sellerio editore Palermo)

Evelina Rosselli legge Cristopher Morley, Il parnaso ambulante (Sellerio editore Palermo)

Noemi Francesca legge Romano Guardini, Elogio del Libro (Morcelliana)

SABATO 24 APRILE

10.30 – Roma è mio padre e mia madre, con Manuel Vilas, autore di Roma (Visor), in collaborazione con la casa editrice Guanda. Traduzione consecutiva di Rossana Ottolini 

11-00 – ‘Roma, città per scomparire’, con Lidia Ravera, a partire dal libro Avanti, parla (Bompiani)

11.30 – Guida acustica alla città di Roma, con Letizia Muratori, a partire dal libro The Passenger – Roma (Iperborea)

12.00 – ‘Come una storia d’amore’, con Nadia Terranova, a partire dall’omonimo libro (Giulio Perrone)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»