Roma, torna in aula il Psi: la consigliera Grancio cita Pertini

L'ex M5s: "Rappresento politica delle 'mani pulite'". E su tangentopoli: "Un errore commesso da uomini"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Psi è tornato ufficialmente in aula Giulio Cesare. Questo pomeriggio, come annunciato nei giorni scorsi, è stato costituito il gruppo dei socialisti in Assemblea Capitolina. A rappresentare lo storico partito della sinistra italiana è la consigliera Cristina Grancio.

“Il gruppo, seppur costituito da un solo consigliere- ha spiegato il presidente dell’Assemblea Capitolina, Marcello De Vito, aprendo i lavori- si può costituire alla luce del fatto che parliamo di un partito nazionale che ha anche partecipato alle ultime elezioni amministrative“.

Grancio, dal suo canto, si è “ripresentata” all’aula citando Pertini. “Secondo l’ex presidente socialista ‘due sono le qualità tipiche di chi sceglie di fare politica: l’onestà e il coraggio. E poi bisogna avere le mani pulite. Io credo di rappresentare questa politica delle mani pulite. Dopo tre anni di misto era giusto scegliere una collocazione il più simile possibile al mio pensiero. Io ho scelto di aderire al partito socialista perché sono convinta che negli anni sia stato un grande partito ha difeso la nostra democrazia. Quello che è successo 30 anni fa è stato solo un errore di uomini che però ha avuto come conseguenza quella di far sparire la sua rappresentanza in questa aula. Ora è necessario che chi sente di rappresentare quegli ideali possa avere la giusta rappresentanza in questa aula”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»