Stupro Latina, Valente (Pd): “I casi allo scoperto sono solo la punta dell’iceberg”

La violenza di gruppo è avvenuta su una ragazzina di 12 anni. "Possiamo chiamare il 1522 o rivolgerci a un centro antiviolenza", ricorda la senatrice
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “A Latina, durante il lockdown, una violenza di gruppo terribile contro una ragazza di 12 anni. Oggi i tre uomini colpevoli sono stati arrestati in seguito alla denuncia della madre e dopo che la minore è stata ascoltata dalla polizia in un ambiente protetto, per evitare di farle rivivere le atrocità di quegli stupri. Questa è una delle tante violenze perpetrate a danni di donne e bambine durante i mesi di quarantena. Ma i casi che vengono allo scoperto sono solo la punta dell’iceberg di un fenomeno radicato e diffuso“. Così su Facebook la senatrice Pd e presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio Valeria Valente.

“La violenza sulle donne è un male a tratti invisibile perché non sempre ne riconosciamo ogni forma ed è questo ciò che lo rende più pericoloso- aggiunge Valente- La sola arma che abbiamo è denunciare. Denunciamo sempre ogni abuso. Se abbiamo paura di affidarci alle forze dell’ordine, ci sono altre strade che possiamo percorrere. Possiamo chiamare il 1522 o rivolgerci a un centro antiviolenza, dove troveremo sempre persone formate e preparate che sanno riconoscere la violenza e che ci crederanno sempre“, conclude.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»