VIDEO | Cinema, Tendaiishe Chitima: “Su Netflix sono il volto dell’Africa vera”

'Cook Off' è il lungometraggio del regista Tomas Lutuli Brickhill, presentato come il più economico di sempre a sbarcare sulla piattaforma americana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La parola magica qui è ‘deferred payment’, vi pago dopo, se c’è guadagno; se non avessimo accettato, le riprese non le avremmo neanche cominciate”. Tendaiishe Chitima ha 29 anni e sta frequentando un master in business administration con l’idea di metter su una startup per aiutare gli artisti del suo Paese in cerca di opportunità. Ora sorride in collegamento video, ammettendo che, sì, con ‘Cook Off’ è stato un mezzo miracolo. “Dopo l’acquisto da parte di Netflix i soldi arriveranno” assicura in un’intervista con l’agenzia Dire. “Soprattutto, sono contenta perché il film racconta qualcosa di diverso dall’Africa delle povertà e dei disastri; c’è una storia d’amore e il mio Paese è mostrato con allegria, in una luce positiva”.

 In ‘Cook Off’, lungometraggio del regista Tomas Lutuli Brickhill, presentato come il più economico di sempre a sbarcare sulla piattaforma americana, Chitima è la protagonista. Interpreta Anesu, una madre single che non riesce ad arrivare a fine mese ma che, spinta dal figlio e dalla nonna, trova il modo di coltivare la sua passione per la cucina. Il costo del film? 8.000 dollari, 20 al giorno: pochissimo per gli standard di Netflix, non così poco per lo Zimbabwe (le scene sono state girate nel 2017, pochi mesi prima della caduta del presidente-dittatore Robert Mugabe, perlopiù negli studi della tv che aveva ospitato la versione locale di ‘Top Chef’). Secondo la Banca mondiale, circa il 63 per cento della popolazione del Paese vive al di sotto della soglia di povertà. Il tasso di inflazione a maggio, su base annua, è stato del 785 per cento. “L’economia qui non va tanto bene e forse anche per questo non avrei mai pensato di finire su una piattaforma internazionale come Netflix” ammette Chitima. 

Con i tecnici, gli scenografi e gli altri attori, tra i quali la star hip-hop Tehn Diamond, all’anagrafe Tendai Ryan Nguni, ha accettato la formula del pagamento differito. A spingerla, come quando il film fu proiettato la prima volta, sul tetto di una casa ad Harare, il desiderio di raccontare il proprio Paese in una luce diversa. “E’ una commedia che mostra l’altro lato della storia” dice l’attrice. “E poi sono contenta che una donna nera sia finalmente protagonista: è un fatto per nulla scontato”. Da giugno ‘Cook Off’ è visto in tutto il mondo, dall’Italia al Brasile. Ogni giorno arrivano nuove reazioni e Chitima guarda anche alle implicazioni sociali della sua avventura. “Sono attrice a tempo pieno ma non rinuncio a concludere il master in Business Administration” spiega alla Dire. “Mi piacerebbe trovare un modo per coniugare l’arte con una dimensione imprenditoriale, affinché la mancanza di risorse non sia più un problema: recitare deve diventare sostenibile anche nello Zimbabwe“.

COOK OFF_locandina

Tendaiishe Chitima

Tendaiishe Chitima1

Tendaiishe Chitima2


Precedente
Successivo

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»