A Pescara in spiaggia telecamere intelligenti per il giusto distanziamento

Masci: "No repressione ma rispetto regole e prevenzione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Otto telecamere intelligenti con uno speaker che ci dira’ se siamo al distanziamento giusto in spiaggia e altre 18 in Piazza Muzii, per verificare il rispetto dei protocolli nel luogo della movida, ma anche acquisire informazioni in caso di comportamenti scorretti o episodi di cronaca. E’ stato presentato questa mattina a Pescara dal sindaco Carlo Masci, dal comandante della Polizia municipale Danilo Palestini e dal dirigente del settore Innovazione del Comune di Pescara Paolo Santucci, il primo passo di un progetto sperimentale di monitoraggio della spiaggia e della citta’. La priorita’, ha sottolineato Masci “non sara’ quella di sanzionare, ma di supportare i cittadini nel rispetto delle regole”. Per il quadrilatero della movida il principio e’ lo stesso, ma in piazza Muzii le intenzioni sono, oltre che quelle di assicurare il rispetto delle norme di prevenzione, anche quelle di intervenire su eventuali episodi di violenza. “Chi e’ abituato a comportarsi in modo corretto e civile, a rispettare le regole non avra’ difficolta’ rispetto a un’azione che mettiamo in campo nell’interesse di tutti. A quanti invece intendono comportarsi in maniera illecita- ha aggiunto- va rivolto l’invito a capire che ora saranno sorvegliati, individuati e sanzionati”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»