Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ricerca Università Bologna: “Mascherine lavabili non sono sicure, come non indossare nulla”

MASCHERINE_RICERCA_UNIVERSITÀ_BOLOGNA
Francesco Violante, docente di Medicina del lavoro all'Università di Bologna, che con il suo laboratorio in questi mesi ha testato la regolarità e l'efficacia di centinaia di mascherine, sottolinea la necessità di riciclare le mascherine chirurgiche e sprona il Governo ad attivarsi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Il laboratorio messo in piedi agli esordi della pandemia dall’Univerisità di Bologna per verificare l’efficacia delle mascherine in circolazione ne ha testate più di 800 in un anno. E “non abbiamo mai trovato una mascherina lavabile che fosse certificabile“, testimonia la responsabile del laboratorio, Cristiana Boi, docente di ingegneria civile e dei materiali. “Al momento una mascherina lavabile sicura non esiste“, insiste a margine della presentazione della mascherina ecologica della cooperativa Eta Beta, che al suo interno ha un filtro sostituibile. Bisogna “smettere di usare le mascherine fai-da-te che hanno un livello di protezione nullo, ho qualcosa sulla faccia ma è come se non avessi nulla. La ricerca ha concluso unanimemente. Se poteva essere giustificato agli albori pandemia, oggi non è più giustificato: c’è l’evidenza che mascherine fai-da-te non proteggono e ora le mascherine sono largamente disponibili“, conclude Francesco Violante, docente dell’Alma Mater e direttore della Medicina del lavoro del Policlinico Sant’Orsola di Bologna.

“LE MASCHERINE CHIRURGICHE POSSONO ESSERE RICICLATE, IL GOVERNO SI ATTIVI”

La mascherine chirurgiche usate, una volta buttate, finiscono negli inceneritori. Eppure, essendo realizzate in materiale plastico, potrebbero essere riciclate. “Le istituzioni pubbliche debbono intervenire sul tema del recupero di questi materiali”, ammonisce Francesco Violante, docente di Medicina del lavoro all’Università di Bologna, che con il suo laboratorio in questi mesi ha testato la regolarità e l’efficacia di centinaia di mascherine. “Sono fatte di materiale riciclabile: non abbiamo bisogno di incenerirle, ma possono essere recuperate”, sostiene a margine della presentazione della mascherina lavabile prodotta dalla cooperativa sociale Eta Beta a Bologna. Dunque, è necessario “produrre impianti che possono riciclare questa plastica per ricavarne materiali utili“, aggiunge, assicurando che il processo di recupero della plastica uccide tutti i virus e i batteri. “Bisogna incamminarsi su questa strada: prima lo facciamo meglio è. È come per la questione dei vaccini: è inutile perdere tempo, bisogna che ciascun attore definisca progetti specifici su questo tema“, sprona Violante.
Del resto, conclude, “la mascherina non ce la dimenticheremo, anche quando saranno tutti i vaccinati. Avremo una maggiore sensibilità della prevenzione delle malattie respiratorie: quando avremo il raffreddore o una banale influenza, torneremo al gesto semplice di mettere mascherina per impedire la diffusione dei virus. Diventerà uno dei prodotti igienici“, prevede, sottolineando la necessità di attrezzarsi per uno smaltimento corretto di questi dispositivi. “Dobbiamo porci il problema, soprattutto le amministrazioni pubbliche debbono porsi il tema del destino della mascherina chirurgica”, conclude.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»