Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rivoluzione Youtube: stop alle pubblicità che precedono i video

youtube
Via gli advertisement da 30 secondi, quelli cioè 'forzati' che non si possono saltare con lo 'skip'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Per venire incontro agli utenti e non scontentare gli inserzionisti, Youtube ha deciso di modificare le pubblicità che precedono i video. Molto odiati dagli internauti ma di fatto, linfa vitale per il sito di videosharing, dal prossimo 2018 la lunghezza degli spot verrà cambiata. Come? Semplice. Stop definitivo agli advertisement da 30 secondi, quelli cioè ‘forzati’ che non si possono saltare con lo ‘skip’. Verranno sostituiti da mini spot da 6 secondi.

Rimangono gli annunci da 15 e 20 secondi

Rimarranno invece gli annunci da 20 e 15 secondi, meno irritanti per gli utenti ma pur sempre redditizi. Così facendo Google, proprietaria di Youtube, darà ‘un colpo al cerchio e uno alla botte’, cercando di non scontentare nessuno. In questo modo, gli inserzionisti avranno a disposizione un anno di tempo per studiare nuove forme pubblicitarie per attirare l’attenzione degli utenti senza irritarli.

Addio agli spot con Youtube Red

Per chi invece proprio di spot non vuole saperne, è disponibile la formula Youtube Red: basta pagare 9,99 dollari al mese per guardare video senza pubblicità. Sfortunatamente però, il servizio non è disponibile in Italia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»