Regionali in Emilia-Romagna, Bonaccini: “Il candidato sono io, il M5S? Li lascio parlare”

"Se c'è la volontà di sedersi intorno a un tavolo, ci si siederà- afferma Bonaccini- altrimenti non succederà"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – I 5 stelle vogliono mettere al voto su Rousseau l’alleanza col Pd in Emilia-Romagna? “Li lascio parlare”. Quanto al centrosinistra “non ci sono grandi dubbi sulla candidatura”. Così il governatore Stefano Bonaccini commenta le dichiarazioni degli ultimi giorni del leader Pd Nicola Zingaretti da un lato e della senatrice M5s Michela Montevecchi dall’altro.

“Ringrazio Zingaretti- dice Bonaccini, a margine di una conferenza stampa oggi in Regione- mi pare che sulla candidatura per il centrosinistra non ci siano grandi dubbi. Dopodichè vedremo cosa si svilupperà nelle prossime settimane in un eventuale dialogo coi 5 stelle, ma non ho voglia tutti i giorni di ripetere le stesse cose”.

Il presidente scandisce. “Se c’è la volontà di sedersi intorno a un tavolo, ci si siederà- afferma- altrimenti non succederà. Da parte mia c’è grande tranquillità e serenità su questo. Abbiamo idee, stiamo costruendo una coalizione che vuole essere la più robusta, larga e civica possibile, per un nuovo centrosinistra”.

Poi, insiste Bonaccini, “con un Governo di questo tipo a livello nazionale, io dico che si potrebbe provare a riprodurlo anche sul versante locale. Ma per farlo non bastano nè slogan nè tavolini nè formule solo per battere gli avversari, perchè sarebbe solo una presa in giro per i cittadini. Se c’è la volontà ci si siederà e si guarderanno le rispettive proposte per verificare se c’è un programma comune”.

I 5 stelle però pensano di mettere prima l’alleanza al voto su Rousseau. “Li lascio parlare- risponde Bonaccini- vedremo nelle prossime settimane cosa succederà”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

21 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»