Ladri in casa scoperti sotto al letto: “Siamo due idraulici”

Per entrare nell'appartamento avevano forzato la finestra del balcone. Sono stati scoperti per il troppo rumore fatto nel mettere a soqquadro la casa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Stavano svaligiando un appartamento, sorpresi dalla Polizia si sono spacciati per due tecnici dell’acqua. Una parte recitata malamente che non gli ha evitato l’arresto. È successo ieri, alle 3 circa, in via Piero Aloisi in zona Pietralata a Roma.

I due ladri, rispettivamente 39 e 33 anni, si erano introdotti nella casa al secondo piano, ma il caos creato per rovistare ha attirato l’attenzione di alcuni condomini che hanno dato l’allarme. La polizia giunta sul posto non è riuscita ad entrare dalla porta principale e così, grazie a una scala, gli agenti sono riusciti ad accedere all’appartamento dalla finestra del balcone, che era stata già stata forzata.

Una volta dentro, i poliziotti hanno notato che la casa sembrava apparentemente vuota, ma poi ad uno sguardo migliore hanno visto spuntare da sotto al letto due paia di piedi. Colti sul fatto, i due uomini hanno detto agli agenti di essere due ‘tecnici dell’acqua’, due idraulici, che erano stati chiamati per intervenire su una perdita di una tubatura. Una versione inutile che non ha evitato loro le manette ai polsi. I due uomini devono ora rispondere di furto aggravato in concorso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»