Camerun, 5 candidati accusano i media: “Seguono solo un candidato”

ROMA – Servizi “di parte” e “volontariamente squilibrati”: è l’accusa mossa da cinque candidati di opposizione alle presidenziali del 7 ottobre nei confronti delle emittenti nazionali ‘Crtv‘ e ‘Radio Television du Cameroun‘. La tesi è che il lavoro giornalistico sia organizzato in modo da favorire la rielezione di Paul Biya, al potere dal 1982.

Secondo documenti interni di ‘Crtv’, datati 12 settembre e citati oggi dall’emittente ‘Radio France Internationale’, su 13 unità di giornalisti in servizio per la copertura della campagna elettorale almeno cinque devono seguire il presidente. A contestare le emittenti sono stati tra gli altri Joshua Osih, del Front Social-Democratique (Sdf) e Akere Muna, del movimento Now!.

 

Leggi anche:

21 Settembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»