Ilva di Taranto, manifesto shock delle associazioni contro l’acciaieria

Un enorme manifesto funebre, affisso su una delle strade del quartiere Tamburi di Taranto.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Un enorme manifesto funebre, affisso su una delle strade del quartiere Tamburi di Taranto. La scritta recita: “Quanti altri bambini devono morire affinché l’Ilva possa raggiungere il pareggio di bilancio?”. In basso, due righe che tuonano come un suggerimento a chi deve decidere del futuro dell’acciaieria e della salute dei tarantini. “No Ilva. Chiusura, bonifiche, reimpiego dei lavoratori, riconversione economica”.

Questa la ricetta che le dieci associazioni tarantine ideatrici della nuova campagna di comunicazione propongono. A sostenerle, però, ci sono anche cittadini di Taranto che non vivono nel quartiere adiacente lo stabilimento siderurgico. “La cosa che più ci ha colpito è l’appoggio ricevuto da tutta la città. E ci fa piacere”, spiega alla Dire Massimo Castellana, portavoce di ‘Genitori tarantini’, una delle associazioni firmatarie.

“Questo nuovo manifesto- continua Castellana- nelle intenzioni delle associazioni firmatarie e dei cittadini che hanno voluto sostenerlo, dovrebbe arrivare come un pugno nello stomaco ai vertici della politica italiana che da troppi anni relegano Taranto e i suoi abitanti a vittime sacrificali per la ricchezza nazionale, seppellendo il territorio ionico sotto un insopportabile numero di ingiustizie, nel più gretto disprezzo dei dettami della Costituzione”.

“Qui, la sublime bellezza del territorio viene sacrificata a favore di industrie altamente inquinanti che minano in modo irreparabile ambiente e salute”, prosegue Massimo Castellana, portavoce di ‘Genitori tarantini’, una delle associazioni firmatarie che continua: “Ci chiediamo quanti altri bambini, quanti altri tarantini devono morire affinché l’Ilva possa raggiungere il pareggio di bilancio?”.

Il prezzo pagato “e che ancora paghiamo è insopportabilmente alto, per malattie, morti, disoccupazione, per non parlare dei giovani costretti a lasciare questa terra. Ci negano un futuro ecosostenibile. Il nostro è un territorio offeso e ferito”, evidenzia Castellana, “Taranto continua a essere trattata come un possedimento dello Stato e non come parte di uno Stato in cui i diritti e la dignità vengono riconosciuti in maniera uguale a tutti i cittadini”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»