Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma, sgomberato studentato “Point Break”

Fermato uno degli occupanti, gli attivisti chiedono l'immediato rilascio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PB02ROMA –  E’ stato sgomberato questa mattina lo studentato Occupato Point Break, in via Fortebraccio 30, al Pigneto. Fuori dalla struttura, occupata a luglio del 2009, si e’ svolto un presidio. Successivamente, attivisti, studenti e cittadini sono andati nella sede del V Municipio “per chiedere conto al nuovo presidente insediato di prendere posizione a seguito dello sgombero”, come rendono noto i movimenti.

Studenti-pecari “Point Break”: “Sgombero a orologeria”

“Sgombero a orologeria dello Studentato Occupato Point Break. Questa mattina alle ore 7.30 i corpi di Polizia hanno fatto irruzione nello stabile Point Break nel quartiere Pigneto di Roma: uno studentato occupato dal 2009 dal movimento studentesco romano. Lo stabile, vuoto e in stato di completo abbandono fin dagli anni Ottanta, è stato per questi sette anni abitato da studenti, fuorisede e precari che lo hanno riqualificato e reso uno spazio abitabile e attraversabile dal quartiere. L’edificio, di proprietà privata e parte di quell’immenso patrimonio immobiliare lasciato in disuso nella città, era uno dei tanti simboli di quel processo di gentrificazione e speculazione dei quartieri popolari. Da anni i proprietari preferiscono tenere gli stabili vuoti e gli affitti alle stelle espellendo di fatto dai quartieri gli studenti e i precari. Point Break è stata la prima esperienza di studentato occupato della città di Roma: una città dove una parte rilevante di studenti e precari è di fatto privata della possibilità di avere un alloggio e di poter concretamente studiare in un’università che ormai da tempo non è più accessibile a tutti”. Lo scrivono in una nota gli Studenti e i precari di Point Break. “In questi sette anni- ricordano- lo studentato occupato è stato protagonista di innumerevoli attività culturali e di mutuo soccorso che si sono opposte al degrado sociale che in maniera sempre più intensa ha trasfigurato il quartiere, da un lato mercificandolo all’estremo e dall’altro lasciando spazio al narcotraffico.

PB01

Lo sgombero avviene all’indomani della grandissima assemblea del percorso Decide Roma che si è svolta a Piazza dei Sanniti con la partecipazione dell’assessore all’Urbanistica e Infrastrutture Paolo Berdini, delegato per l’occasione dalla Giunta Raggi appena insediata. Un’assemblea straordinaria, frutto del percorso che si è opposto alla svendita del patrimonio pubblico e allo sgombero violento delle centinaia di realtà sociale e associative di questa città. L’assemblea che si è svolta ieri, è stata un grande esercizio di democrazia dal basso e partecipazione cittadina nel quale si è avviato un confronto con la nuova amministrazione verso il riconoscimento dei Beni Comuni Urbani. A fronte dell’apertura di uno spazio di possibilità per una nuova negoziazione sociale, i corpi di Polizia forzano per riportare il piano del confronto politico della città di Roma nello spazio angusto del rispetto della legalità formale e della difesa della rendita immobiliare”.

“Mentre scriviamo- concludono gli attivisti- è in corso l’occupazione del V Municipio per chiedere alle istituzioni, Giunta comunale, Regione e Municipio, una presa di posizione netta, di farsi carico immediatamente del problema abitativo degli studenti e precari sgomberati e di chiarire in che modo modo intendano affrontare l’emergenza abitativa e la garanzia del diritto allo studio. Il presidente del V Municipio ha assicurato di non essere stato messo a conoscenza dello sgombero di questa mattina: dato preoccupante che esplicita ancor di più la gravità dell’accaduto. Inoltre, durante lo sgombero uno degli occupanti è stato trattenuto in stato di fermo. Chiediamo l’immediato rilascio. Facciamo infine appello alla città solidale per una mobilitazione immediata e una resistenza concreta contro gli sgomberi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»