Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Africa, passo storico di Parigi: la Francia rinuncia al franco Cfa

Adesso tocca ai governi degli otto Stati che costituiscono l'Unione monetaria dell'Africa occidentale prendere le redini della propria politica monetaria
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A Parigi, nell’ultimo Consiglio dei ministri potrebbe essere stato approvato un disegno di legge storico: il governo del presidente Emmanuel Macron ha acconsentito ad avviare il progressivo disimpegno dell’Esagono dal franco Cfa, la moneta che circola in otto Paesi africani legata alla Francia.

Adesso tocca ai governi degli otto Stati che costituiscono l’Unione monetaria dell’Africa occidentale prendere le redini della propria politica monetaria. Si tratta in particolare di Burkina Faso, Benin, Costa d’Avorio, Guinea Bissau, Mali, Niger, Senegal e Togo.

Il passo indietro di Parigi e’ concreto: la Francia rinuncia ad esercitare il proprio controllo attraverso la Banca centrale degli Stati dell’Africa dell’Ovet (Bceao). La Banca infatti potra’ recuperare le riserve monetarie di questi Paesi dalle casse del Tesoro francese dove, in virtu’ di un accorto stretto risalente al 1945, queste vengono cedute per meta’, al fine di garantire la stabilita’ monetaria in momenti di crisi. La moneta’ inoltre sara’ ora legata all’euro in virtu’ degli accordi di cooperazione siglati a fine 2019 dagli otto governi africani con la Francia, e al posto del Franco Cfa dovrebbe vedere la luce l’Eco.

Radio France internationale evidenzia pero’ che il controllo francese non si interrompe del tutto: i governi dovranno continuare a rendere conto a Parigi delle scelte legate alla propria moneta. Inoltre, si apre adesso un periodo di transizione: la Francia ritirera’ i propri rappresentanti dalla Bceao, pertanto dovranno essere redistribuiti gli incarichi vacanti.

Bisognera’ poi rivedere la politica sui tassi d’interesse, sulle riserve obbligtorie e sull’emissione della moneta. Altra questione sul tavolo, e’ il nome della valuta. “Eco” e’ la scelta che convince tutti, tranne gli altri Paesi della Comunita’ economica degli stati dell’Africa occidentale (Ecowas/Cedeao) che avevano intenzione di adottare quel nome per la propria moneta comune.

Resta il fatto che Franco Cfa ad alcuni ricorda l’epoca in cui e’ nata, quando la Francia vantava il proprio dominio coloniale su questi Paesi. Il franco Cfa e’ infatti sempre stato al centro di un’accesa polemica: i suoi detrattori contestavano che, a causa di questo meccanismo, gli Stati non potessero godere di una reale sovranita’ monetaria, un deficita che alimenta poverta’ e mancanza di sviluppo. I fautori invece sottolineavano la stabilita’ che tale meccanismo conferiva alle economie dei Paesi africani.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»