Ambiente, Bologna lancia forum online per parlare di biodiversità

A Bologna la Fondazione Fico lancia un forum digitale per rilanciare i temi della biodiversità e della sostenibilità ambientale
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Un forum digitale per rilanciare i temi della biodiversità e della sostenibilità ambientale e, anche, iniziare a ripensarli in vista del futuro. E’ l’obiettivo di Fondazione Fico di Bologna che con la campagna ‘Biodiversità, futuro della terra’, da domani ha in programma una serie di iniziative in collaborazione con la Food and Agricolture Organization of the United Nations (Fao) e la campagna già attiva ‘Spreco Zero‘.

 

Da domani quindi, ogni pomeriggio alle 18, sui canali social e sul sito della fondazione andrà in scena il Forum Festival digitale ‘Biodiversità, ritorno al futuro’. Per 15 giorni sarà data parola a “protagonisti dell’impegno per la sostenibilità“, come Mario Tozzi, Luca Mercalli, Andrea Segrè, Filippo Giorgi, Eliana Liotta, Elisabetta Moro, Marino Niola, Davide Rondoni, Massimo Cirri, Duccio Caccioni, Salvatore Ceccarelli, Antonio Cianciullo, Matteo Dell’Acqua, Diego Pagani, Antonia Klugmann, Roberto Giovannini, Filippo La Mantia, Fede&Tinto di Rai Radio2 Decanter ed altri “ambasciatori di biodiversità”.

LEGGI ANCHE: Torna Bologna Award e premia l’economista Raj Patel. Focus sul ruolo politico e sociale del cibo

Sempre venerdì, partirà anche ‘Innesto 2020 Bio_diversi‘, seconda edizione del contest poetico riservato ai giovani della generazione Z (i nati dal 1996 in su) e promosso dalla fondazione Pordenonelegge. Narrazione poetica, sentire dei giovani e attenzione al futuro del pianeta: sono questi i tre ingredienti del concorso che quest’anno si concentra su “Salus, salute”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»