Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Arte come evasione, a Rebibbia la mostra ‘I colori dolenti’

ROMA - L'arte come terapia, i colori vivi contro il grigio del carcere, una cella comune trasformata in laboratorio artistico pieno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’arte come terapia, i colori vivi contro il grigio del carcere, una cella comune trasformata in laboratorio artistico pieno di tele, cavalletti e pennelli. E’ questo e tanto altro la mostra ‘I colori dolenti’ inaugurata questa mattina presso la casa circondariale di Rebibbia nuovo complesso ‘Raffaele Cinotti’, portata a termine con il contributo di Calciosociale e Roma Bpa.

Le opere sono state realizzate dai detenuti del laboratorio di pittura dell’Alta sicurezza, sezione G12, coordinato dal professor Alessandro Reale del Liceo Scientifico Teresa Gullace Talotta. L’esposizione è stata preceduta da un incontro sulla funzione dell’arte in contesti di privazione della libertà personale che i ragazzi delle scuole, presenti alla mostra, hanno ascoltato in un silenzio religioso.

Alla fine della giornata è stata consegnato anche il materiale, tele e colori, vinto dai detenuti nel concorso ‘Mamma Roma e i suoi figli migliori’ e, su richiesta dei detenuti, i proventi della vendita dei quadri contribuiranno a finanziare il progetto Roma Bpa, Roma Best Practices Award, 2019.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»