Il padre di Gioele: “Trovato in 5 ore da un volontario, dubbi sui metodi adottati per le ricerche”

Mondello: "Grazie a chi mi ha aiutato"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Nonostante il dramma che mi ha travolto, trovo doveroso ringraziare quanti mi hanno aiutato. Dedico un ringraziamento particolare al signore che ha trovato mio figlio. Se non ci foste stati voi, chissà se e quando lo avremmo ritrovato. Cinque ore di lavoro di un volontario rispetto a 15 giorni di 70 uomini esperti, mi fanno sorgere dei dubbi oggettivi sui metodi adottati per le ricerche”. Lo ha scritto Daniele Mondello, padre del piccolo Gioele, sulla sua pagina Facebook, dopo il ritrovamento di alcuni resti che apparterrebbero al bimbo scomparso il 3 agosto a Caronia, nei pressi dell’autostrada Palermo-Messina, con la madre, Viviana Parisi, trovata morta cinque giorni dopo.  “La mia non vuole essere una polemica, ma la semplice considerazione di un marito e padre distrutto per la perdita della propria famiglia – ancora il post di Mondello -. Viviana e Gioele vi ringraziano ed io vi mando un abbraccio enorme, siete stati grandi”.

LEGGI ANCHE: Dj morta a Messina, ritrovati resti ossei nei pressi dell’A20: potrebbero appartenere al piccolo Gioele

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»