Your monthly usage limit has been reached. Please upgrade your Subscription Plan.

Italia
°C

Sicurezza. Alfano invia altri militari per presidiare le città

"Strategia di sicurezza del Paese che considera prioritario il presidio fisico del territorio, ma abbiamo anche investito nel presidio tecnologico"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Alfano2

ROMA  – Altri militari in arrivo per tenere ‘presidiati’ gli obiettivi sensibili in diverse città. In totale, un ‘rinforzo’ di 750 soldati per varie province d’Italia deciso dal Consiglio dei ministri degli inizi di maggio. Ne ha parlato, l’altro ieri alla Camera, il ministro dell’Interno Angelino Alfano, in risposta ad una interrogazione di Vincenzo Garogaolo (Ap) facendo il punto sull’operazione “Strade sicure” che ha spedito 7.050 militari in 51 province (1.500 ‘assegnati’ al Giubileo). E ora, nel Consiglio dei ministri dei primi di maggio, si è deciso che altri 750 “andranno a coprire una serie di province implementando le dotazioni già esistenti”: 25 a Bergamo, 15 a Bologna, 25 a Bolzano, 15 a Catania, 55 a Firenze, 20 a Genova, 15 a Imperia, 100 a Milano, 60 Napoli, 30 a Palermo, 15 a Pisa, 250 a Roma, 45 a Torino, 10 a Udine, 30 a Varese, 40 a Venezia.

“Questo fa parte di una strategia di sicurezza del Paese che considera prioritario il presidio fisico del territorio, ma abbiamo anche investito nel presidio tecnologico” e negli equipaggiamenti delle Forze dell’ordine, ricorda Alfano. Quanto all’impiego dei soldati, a loro è affidata la “vigilanza degli obiettivi fissi: non girano per le nostre città armati, non danno la sensazione di una militarizzazione delle città ma consentono la liberazione di risorse e di energie delle forze dell’ordine, che erano prima a presidiare le postazioni fisse e gli obiettivi sensibili”. In questo modo poliziotti, finanzieri e Carabinieri possono “fare pattugliamento del territorio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»