Emergenza rifiuti a Roma, il sindaco di Roccasecca: “La discarica potrebbe non riaprire più”

Giuseppe Sacco ha annunciato che il gestore della discarica Mad, che è piena e non riceve rifiuti da 20 giorni, non realizzerà il V bacino
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il sindaco di Roccasecca, Giuseppe Sacco, è intervenuto su Facebook per fare il punto sull’emergenza rifiuti a Roma. “Il gestore della discarica ha formalmente rinunciato alla realizzazione del V bacino. L’impianto, che non riceve rifiuti ormai da 20 giorni perché ha esaurito la sua capacità, è chiuso e, forse, non riaprirà più“. La chiusura del punto di smaltimento della Mad ha prodotto ripercussioni, oltre che nel capoluogo laziale, anche nelle province di Frosinone e Latina.

LEGGI ANCHE: Rifiuti, il piano di Calenda: “Così rimetteremo a posto la città”

“È strano, per 4 anni ho sognato di scrivere questo post ed ora che siamo quasi all’epilogo non so cosa dire. Una cosa va detta però: il mio lavoro credo sia terminato – continua Sacco – A questo punto (visto che il gestore si è tirato indietro) se qualche volontà politica dovesse tirare fuori il coniglio dal cilindro e puntare il dito ancora una volta contro la nostra città dopo tutto quello che abbiamo fatto, visto, letto, sentito e soprattutto subito… Spero siano i cittadini a far sentire la loro voce“.

LEGGI ANCHE: Emergenza rifiuti, Ama in ritardo: arriva una nuova ordinanza della Regione Lazio

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»