VIDEO | Sequestrati cinque milioni di beni a pluripregiudicato di Corato

Possedeva quindici appartamenti e conti correnti aperti in nove banche differenti, ma dichiarava un reddito medio annuo di soli 4700 euro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Quindici appartamenti e conti correnti aperti in nove banche differenti: sono i beni riconducibili ad Antonio Livrieri, 54enne di Corato in carcere per ricettazione, usura e rapina, sequestrati dai carabinieri.

Il provvedimento è successivo a una indagine da cui è emerso che le modalità seguite per accumulare case e soldi erano illecite.

Nella complessa attività investigativa sono state ricostruite le modalità operative attraverso le quali Livrieri, coinvolto in attività illecite sin dagli anni ‘80, ha provveduto a “ripulire anche per il tramite dei suoi congiunti, i proventi illeciti derivanti dai suoi traffici, a fronte – spiegano gli investigatori – di un reddito medio annuo dichiarato al fisco di soli 4700 euro circa realizzando un patrimonio stimato in circa 5 milioni di euro”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»