Sindaci calabresi a Palazzo Chigi: “Da Conte impegno a mettere fine all’esperienza commissariale”

"Dal governo rassicurazioni anche rispetto alla necessità di ripianare il debito ingente accumulato durante la lunga fase del commissariamento della sanita" rende noto il sindaco di Cosenza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “Abbiamo sottoposto al premier Conte e al ministro Speranza una serie di questioni ineludibili, a cominciare dalla necessità di mettere la parola fine al commissariamento della sanità in Calabria che dura da troppo tempo. Undici anni sono veramente tanti e non hanno portato nulla di buono”. Cosi’ il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto al termine dell’incontro a Roma, a Palazzo Chigi, a cui ha partecipato una delegazione di sindaci calabresi. “Sul punto – ha aggiunto – siamo stati rassicurati e, anche se l’emergenza in corso non potrà che essere gestita da un commissario, Conte e Speranza hanno assunto, in prospettiva, l’impegno di considerare l’esperienza commissariale assolutamente a termine. Anche rispetto alla necessità di ripianare il debito ingente accumulato durante la lunga fase del commissariamento della sanità calabrese, il governo ha assunto degli impegni che ci rassicurano”. Altra richiesta avanzata “con forza” dalla delegazione dei primi cittadini calabresi e’ stata quella di arrivare “prima possibile ad una ripartizione piu’ equa delle risorse finanziarie destinate alle varie regioni e di rivedere – ha concluso Occhiuto – i criteri sui quali si fonda l’attuale ripartizione che genera una discriminazione a tutto svantaggio della Calabria”.

LEGGI ANCHE: Zuccatelli rientra in Calabria, la Regione si ribella: il 19 novembre sit-in dei sindaci a Roma

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»