Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Burkina Faso, moschea e pranzo prima del massacro

I video svelano che il commando e' stato supportato da almeno cinque individui non armati, mescolati con gli ospiti dell'hotel
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A quattro giorni dalla strage all’hotel Splendid e al ristorante Le Cappuccino a Ouagadougou, il quotidiano online Jeune Afrique fa luce sulle fasi del piano organizzato dai jihadisti al soldo di Al-Qaeda, messo a punto proprio in una stanza dell’albergo. Prenotata il venerdi’ stesso con l’aiuto di uno straniero residente in Burkina – ora tra le mani degli inquirenti – i jihadisti hanno dato alla reception dei documenti falsi che confermavano la prenotazione fatta dallo straniero loro complice.

islam

Da qui il commando – composto da tre uomini e non quattro come inizialmente diffuso – ha messo a punto gli ultimi dettagli dell’attacco, non prima pero’ di andare nella vicina moschea a pregare, e poi pranzare in albergo: “molte cameriere dicono di averli riconosciuti” ha riferito una fonte legata alla sicurezza a Ja.

Nel pomeriggio poi, i tre lasciano l’albergo, per farvi ritorno solo alle 19,30, come hanno potuto apprendere gli inquirenti visionando le telecamere di sorveglianza dell’hotel. Poco dopo iniziera’ il massacro contro i clienti del ristorante Cappuccino. Dopodiche’ i tre corrono fuori, in strada, per raggiungere lo Splendid: “i video mostrano che il ristorante Le Capuccino era il loro obiettivo principale – riferiscono ancora le fonti a Ja – Una volta dentro l’hotel, sono passati per tutti i piani sparando, come se non sapessero bene dove andare”.

Poi il commando trova il tempo di tornare in camera e cambiarsi, forse per depistare la polizia e far credere di essere piu’ numerosi. Sui video infatti all’inizio figurano con abiti tradizionali – la tunica e un copricapo tradizionale – mentre i cadaveri sono stati ritrovati con indosso jeans e t-shirt.

Quando all’una di notte le forze speciali burkinabe’, coadiuvate dai soldati francesi e americani, hanno fatto irruzione nell’hotel, di loro non c’e’ piu’ traccia: approfittando delle manovre di evacuazione dei feriti, sono riusciti a uscire e raggiungere l’altro lato della strada, per poi barricarsi nel bar Taxi-Brousse. Ma i video dell’albergo rivelano un altro dettaglio importante: il commando e’ stato supportato da almeno cinque individui non armati, mescolati con gli ospiti dell’hotel fatti poi evacuare dalla polizia.

Negli schermi si vedono mentre parlano con i tre jihadisti, forse una “cellula dormiente” di Ouagadougou che ha fornito loro aiuto logistico e operativo. Al-Qaeda nel Maghreb islamico (Aqmi) ha diffuso le foto di tre ‘martiri’ e non quattro, in un comunicato nel quale oltre a rivendicare l’attentato, rende nota l’identita’ degli assalitori: Al-Battar Al-Ansari, Abu Muhammad Al-Buqali e Ahmad Al-Fulani. Si tratta di due arabi e un africano, tutti poco piu’ che ventenni. I loro corpi sono stati ritrovati nel bar Taxi-Brousse in cui si erano barricati e nel quale la polizia li ha uccisi sabato all’alba. In questo attacco Aqmi ha voluto colpire i militari occidentali di stanza in Burkina, e in particolare i francesi, che qui hanno il comando operativo della missione anti-terrorista Barkhane.

LEGGI ANCHE:

Burkina Faso, Farnesina conferma: bambino italiano tra le vittime

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»