Sul Titano in 300 a scuola di “Auto-star bene”

Dal 21 al 23 ottobre da tutta Italia per il corso del Q-Institute
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

sm_metodo_rqi2

SAN MARINO – Oltre 300 partecipanti da tutta Italia attesi sul Titano per il corso che aiuta a conoscere meglio se stessi con il “Metodo Rqi”. In agenda nel week end del 21-23 ottobre, al Centro Congressi Kursaal, l’evento, patrocinato dalla segreteria di Stato per il Turismo, è organizzato da Q-Institute, istituto sammarinese che si definisce il numero uno nella formazione “per l’auto-star bene”. Presente sul Titano dal 2013, fondato dai formatori e ricercatori Marco Fincati e Enrico Caldari, l’istituto di discipline olistiche ha portato a San Marino in tre anni oltre 5 mila corsisti provenienti da tutto il mondo. Solo al Q-Institute infatti è possibile apprendere il metodo RQI, ovvero di “Riequilibrio quantico integrato”, ideato da Marco Fincati, autore del libro “RQI- il Segreto dell’Auto star bene”. Il corso del 21-23 ottobre, dal titolo “Autotest e Comunicazione con l’inconscio; RQI applicato a materia ed energia” , già sold out, è solo una delle iniziative formative promosse quindi da Q-Institute. Come spiega una nota dell’istituto, le lezioni non richiedono particolari conoscenze o titoli e consentiranno ai partecipanti “una full immersion di tre giornate in cui saranno illustrate le tecniche per praticare l’autotest e poter comunicare con l’inconscio per trovare la migliore soluzioni ai propri problemi”.

Per informazioni http://rqi.me/corso-in-aula-metodo-rqi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»