Ue, Salvini: “M5s-Pd già governano insieme”. Di Maio replica: “Su voto a Leyen Lega mente agli italiani”

E' scontro all'interno del governo sul voto alla neo-presidente della Commissione europea Ursula Von Der Leyen
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Continua lo scontro tra Lega e M5S dopo l’elezione alla presidenza della Commissione europea di Ursula Von Der Leyen. “5Stelle e Pd? Da due giorni sono già al governo insieme, per ora a Bruxelles. Tradendo il voto degli Italiani che volevano il cambiamento, i grillini hanno votato il Presidente della nuova Commissione Europea, proposto da Merkel e Macron, insieme a Renzi e Berlusconi. Una scelta gravissima, altro che democrazia e trasparenza”, dichiara il vicepremier e ministro Matteo Salvini.

Secca la replica di Luigi Di Maio, che rilancia la sua intervista al ‘Corriere della Sera’ pubblicata anche sul Blog delle stelle: “Vi voglio dire la verità sulla Von Der Leyen, perché la Lega sta mentendo agli italiani e mi dispiace. Noi abbiamo detto sì per delle idee, loro hanno hanno detto no per una poltrona. Ecco la mia intervista in cui racconto ogni dettaglio della vicenda. La verità vince sempre”. A peggiorare la situazione è la questione ‘Russiagate’. Il vicepremier a ‘Uno Mattina’ su Raiuno ga dichiarato: “Sta crescendo un po’ di tensione dal lato della Lega. C’e’ tensione sulla questione russa. Io voglio metterti in condizione di difenderti. Vai in parlamento e andiamo avanti. C’è tensione su questo fatto di riferire in parlamento. Questa richiesta viene vista come un tradimento”.

Nonostante cio’ Di Maio è convinto che il governo andrà avanti: “Sono sicuro dell’esecutivo ed è ingiusto minacciare ogni giorno una crisi di governo. Ci sono delle riforme che si devono fare”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

18 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»