fbpx

VIDEO | Coronavirus, il virologo: “Sanità in ginocchio se il trend non cambia”

BOLOGNA – Se nell’arco delle prossime due settimane non si riesce a invertire il trend, anche “la migliore sanita’ d’Italia va in ginocchio”. Il monito arriva dal virologo Pierluigi Viale, direttore delle Malattie infettive del Policlinico Sant’Orsola di Bologna. 
Bisogna stare chiusi in casa– ribadisce Viale– uscendo solo per andare a comprare il pane o per far fare la pipi’ al cane. E basta. Anche la passeggiatina se si puo’ evitare, si eviti perche’ e’ occasione di incontro. Se tutti dicono che escono per fare un giretto piccolo, alla fine fuori c’e’ la gente cosi’. Domenica scorsa, che la curva stava gia’ salendo, ai Giardini Margherita sembrava di essere allo stadio”. 
A conti fatti, dunque, “e’ si’ e no una settimana che siamo blindati”, sottolinea Viale. Che mette in guardia: “In queste due settimane ci giochiamo il futuro della nostra nazione. Quindi bisogna stare chiusi in casa e circolare il meno possibile, avere rapporti interpersonali il meno possibile”. Queste, insiste il virologo, “sono le settimane in cui speriamo che la curva non sia piu’ esponenziale ma vada sul plateau, perche’ se invertiamo il trend la miglior sanita’ d’Italia, che e’ la nazione con la migliore sanita’ del mondo, riuscira’ a reggere l’urto”. 
Invece “se non invertiamo il trend, va in ginocchio. Questa e’ la realta’- scandisce Vialenoi facciamo la nostra parte, ma non c’e’ nessuno che puo’ pensare: ‘Non faccio il dottore, quindi sono problemi loro’. Ogni cittadino italiano, ogni cittadino di Bologna deve fare la sua parte”.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

18 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»