Coronavirus, Avvocati di Roma: “Arrivati i primi ricorsi contro le sanzioni”

"Inutile impugnare una sanzione se c'è stata effettivamente una violazione, mentre vale la pena fare un'impugnativa per chi è uscito di casa e aveva validi motivi"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Per adesso ci sono arrivate poche segnalazioni, probabilmente altre arriveranno in queste ore. Il primo consiglio che possiamo dare, però, è quello di contattare un avvocato e non affidarsi al ‘fai da te’ o ai social. Normalmente si tratta di sanzioni penali, quindi è opportuno interpellare un avvocato penalista e farsi consigliare a seconda della violazione”. Risponde così l’avvocato Antonino Galletti, presidente dell’Ordine degli Avvocati di Roma, interpellato dall’agenzia Dire sugli eventuali primi ricorsi arrivati da chi è stato multato per aver violato le nuove regole introdotte dal governo per il contenimento del Coronavirus.

“È necessario verificare caso per caso, con il proprio difensore di fiducia- prosegue Galletti- senza affidarsi al passaparola o a notizie infondate, perché ogni caso è diverso dall’altro”.

Il presidente degli Avvocati di Roma sottolinea quindi che è “inutile impugnare una sanzione se c’è stata effettivamente una violazione, mentre vale la pena fare un’impugnativa per chi è uscito di casa e aveva validi motivi”. Galletti ricorda quindi che all’Ordine degli Avvocati di Roma sono iscritti “25mila avvocati e che ogni singolo studio legale è un presidio di legalità sul territorio, a cui i cittadini possono rivolgersi con fiducia in questo momento particolare“. Gli avvocati di Roma assicurano infine di essere a disposizione “di tutti cittadini anche in via telematica, in video conferenza, se non addirittura a studio”, conclude Galletti.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»