Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Sardegna torna l’incubo ‘blue tongue’: stop alla movimentazione di animali

pecore sardegna
La Coldiretti Nuoro Ogliastra lancia l'allarme per la diffusione della malattia infettiva degli ovini e per le gravi conseguenze economiche: gli esami del sangue costano infatti 25 euro a capo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – A distanza di otto mesi dall’ultimo blocco, in quasi tutta la Sardegna -a esclusione del sassarese e della Gallura- è nuovamente scattato lo stop alla movimentazione degli animali da allevamento a causa della blue tongue. A lanciare l’allarme è la Coldiretti Nuoro Ogliastra, evidenziando le gravi conseguenze economiche che graveranno sulle aziende zootecniche che avevano ottenuto lo sblocco lo scorso maggio. “Per movimentare gli animali dai territori soggetti a restrizione, gli allevatori dovranno prima sottoporli all’esame del sangue per la Pcr, con un costo di 25 euro a capo– dice il direttore di Coldiretti Nu-Og, Alessandro Serra-. È necessario evitare altri due anni di ulteriori sofferenze ad un comparto che tra mille difficoltà cerca di migliorarsi e crescere. Questo provvedimento è un grosso freno che si traduce in un rallentamento delle movimentazioni e in un pesante aggravio dei costi per gli allevatori”.

Quindi l’appello alla giunta regionale, affidato al presidente della Coldiretti nuorese, Leonardo Salis: “Sarebbe opportuno, anche per limitare il numero di animali ed aziende coinvolte, un contingentamento della zona di sorveglianza, con il monitoraggio del sierotipo circolante tramite la creazione di una zona cuscinetto, circoscritta esclusivamente al territorio interessato”. Nel caso non fosse possibile limitare la zona di sorveglianza, “la Regione si dovrà fare carico dei costi derivanti dalle analisi Pcr- conclude-. I finanziamenti erogati nel corso del 2020 per il ristoro delle analisi non sono stati sufficienti per coprire la movimentazione di tutti i capi bovini interessati, oltre 20.000 a livello extra regionale”.

LEGGI ANCHE: Studio sulle varianti in Sardegna: proteina Spike presente nell’isola da subito

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»