Per un mare più pulito concerto-evento a Milano

Musica, arte, testimonianze di esperti e contenuti multimediali per richiamare lì'attenzione sul problema della plastica nei mari. Ci sarà anche il maestre Beppe Vessicchio con la sua orchestra
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – ‘Un mare d’Amare’ è il nome dell’iniziativa di forte sensibilizzazione sui problemi del mare, sul marine litter e sul ruolo dei processi di logistica e trasporto, promossa da Ambiente Mare Italia-Ami, in collaborazione con SOS-LOGistica-Associazione per la logistica sostenibile. L’evento, grazie al patrocinio della Fondazione Cariplo, della Commissione Europea, del Comune di Milano e con il sostegno di Confetra-Confederazione generale italiana di trasporti e logistica, mira a creare informazione e divulgazione sui temi ambientali.

 

Primo obiettivo dell’incontro, uno spettacolo fatto di musica, arte, testimonianze di esperti e contenuti multimediali, è quello di ispirare i partecipanti ad agire concretamente e sin da subito, contribuendo con azioni di riduzione dell’uso della plastica (e del packaging in carta, cartone, plastica), a partire dalla riduzione/sostituzione della plastica monouso. La sostituzione del monouso con altri materiali biodegradabili e bio-compostabili è, infatti, la modalità più facile e rapida da attuare per iniziare davvero ad agire.

L’appuntamento è con Beppe Vessicchio e la sua orchestra, Simona Gandola e Andrea Rizzoli, presso la Casa d’Aste Finarte in via Paolo Sarpi 6, giovedì 20 febbraio alle ore 18.30.

‘Un Mare d’amare’ vede anche il sostegno della rappresentanza in Italia del Parlamento Europeo, di Unilever Italia, Contship Italia e la partnership di Finarte e Ibilab. Massimo Gaudina, capo della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, Maurizio Molinari del Parlamento europeo, e il vicesindaco di Milano, Anna Scavuzzo, interverranno per condividere con i cittadini milanesi le drammatiche conseguenze dell’inquinamento da plastica, illustrando il cambio di paradigma che dovrà essere affrontato dai processi di produzione e trasporto, per quanto riguarda gli imballaggi e i processi di smaltimento e recupero delle plastiche.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»