fbpx

Tg Agricoltura, edizione del 18 gennaio 2020

E’ online l’edizione settimanale del Tg Agricoltura del Lazio:

– VINI BIO E TUTELA DEL TERRITORIO ALLE PORTE DI ROMA

Un’azienda con due secoli di storia, nel cuore della Dop frascati, alle porte di Roma, che da 8 anni produce vini biologici. Cioè da quando l’erede Luigi De Sanctis, ha creato nella tenuta una filera corta, dove l’uva viene prodotta e trasformata in vino. 

– DALLE OLIVE DELLA TUSCIA L’OLIO BIO CHE PUNTA ALLA PERFEZIONE 

Creare un olio evo perfetto, curando meticolosamente ogni fase della produzione, dalla selezione delle olive, alle tecniche di estrazione, alla scelta del packaging. Con questa idea Pietro Re ha ridisegnato l’identità della storica società agricola Delle Monache, a Vetralla, lanciando nel 2012 il brand olio biologico extravergine Tamìa. 

– I PROSCIUTTI CIOCIARI DI UN ANTICO SALUMIFICIO DI GUARCINO 

“I clienti ritrovano qui i sapori di quando erano bambini”. E’ questa la soddisfazione di Palma Pazienza, oggi con la madre Anna e la sorella Marzia alla guida del salumificio Erzinio, di Guarcino, che dal 1950 produce prosciutti e salumi tipici della Ciociaria. 

– IL LAZIO PROTAGONISTA AL MACFRUIT 2020 DI RIMINI 

La Regione Lazio vuole un ruolo da protagonista alla Fiera internazionale dell’ortofrutta Macfruit 2020, a Rimini dal 5 al 7 maggio, con uno spazio che sara’ vetrina istituzionale della filiera laziale e che sul modello Vinitaly coinvolgera’ i produttori e ospitera’ incontri e degustazioni per valorizzare la cultura del cibo del territorio. Lo hanno annunciato il presidente Arsial, Antonio Rosati, e l’assessore all’Agricoltura, Enrica Onorati, durante un incontro dedicato alle strategie per la valorizzazione del settore ortofrutticolo a Palazzo Caetani Colonna di Fondi, presentando l’idea agli stakeholder del territorio.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

18 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»