Renzi: “Investire di piu’ nella scuola, o perderemo le prossime sfide”

E in questo senso la legge di stabilita' stabilisce che i 500 professori piu' bravi all'estero possono rientrare in Italia grazie a un 'piccolo gruzzolo' sulla ricerca
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
M. Renzi
M. Renzi

“O noi siamo in condizione di investire di piu’ e meglio sulla scuola, oppure le prossime sfide le perderemo”. Cosi’ il presidente del consiglio Matteo Renzi a Buttrio.  “Ma la scuola italiana- aggiunge- e’ molto meglio di quella che raccontiamo”.

Renzi “sfida tutte le aziende a considerare la scuola non solo” come proprieta’ “di chi ci lavora. La scuola e’ dei nostri figli, e siccome e’ dei nostri figli e’ la cosa importante che un paese ha. Ora la vera scommessa non e’ buttarci dei soldi, ma l’attenzione della politica. E in questo senso la legge di stabilita’ stabilisce che i 500 professori piu’ bravi all’estero possono rientrare in Italia grazie a un ‘piccolo gruzzolo’ sulla ricerca”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»