Bce ‘bacchetta’ l’Italia: “Consistente ritardo nel risanamento del debito”

La deviazione dalla regola sul debito è giustificata da fattori rilevanti quali le sfavorevoli condizioni economiche e l’attuazione di riforme strutturali
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

bce“Per due paesi, Belgio e Italia, si rileva un consistente ritardo nell’azione di risanamento necessaria ai fini della regola sul debito. In base a quest’ultima, nel 2015 il miglioramento del saldo strutturale dovrebbe ammontare al 2,1 per cento del PIL per l’Italia (a causa dei ritardi nel risanamento accumulati dal 2013), rispetto alla previsione di uno sforzo strutturale pari allo 0,3 per cento”. E’ quanto si legge nel bollettino economico della Bce.

Tali requisiti, dice la Bce, “non trovano riscontro nelle raccomandazioni specifiche per il 2015 rivolte ai due paesi, poiché la Commissione ha concluso che la deviazione dalla regola sul debito è giustificata da fattori rilevanti quali le sfavorevoli condizioni economiche e l’attuazione di riforme strutturali“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»