Bielorussia, i giornalisti della tv di stato in sciopero contro Lukashenko

Forme di protesta con astensioni dal lavoro erano state segnalate gia' la settimana scorsa, anche in fabbriche di Stato
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Redazione vuota e musica pop, come in attesa: si e’ presentato cosi’ oggi il desk del telegiornale dell’emittente statale Belorus 1, all’indomani delle manifestazioni innescate dalla contestata rielezione del presidente Aleksandr Lukashenko.

L’assenza dei giornalisti e’ stata interpretata, anche dai corrispondenti di testate straniere, come un segno di supporto alla protesta contro il capo dello Stato. A chiedere di scioperare sono stati ancora ieri i dirigenti e i candidati di opposizione, che contestano la regolarita’ dello scrutinio del 9 agosto.

Ieri a Minsk si sono tenuti due cortei: uno a sostegno e uno contro Lukashenko. La seconda dimostrazione e’ stata definita da Tut.by, un sito d’informazione non legato al governo, come “la piu’ grande nella storia della Bielorussia”. Forme di protesta con astensioni dal lavoro erano state segnalate gia’ la settimana scorsa, anche in fabbriche di Stato. Lukashenko, che sarebbe stato rieletto per la sesta volta, e’ al potere da 26 anni.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»