Sicurezza, Salvini: “Lunedì decreto bis, se lo bloccano è un problema”

Parlando alla stampa estera, il ministro dell'Interno lancia l'ennesimo ultimatum agli alleati di governo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Lunedì in Cdm porterò il decreto sicurezza bis dove c’è la lotta alla camorra, all’immigrazione clandestina, norme sulla sicurezza negli stadi. Sarei molto deluso se qualcuno per motivi elettorali lo bloccasse, sarebbe un problema”. Così Matteo Salvini, parlando a Milano con la stampa estera.

Sul fronte giudiziario, Salvini si difende: “Le indagini riguardano tre persone, per gli elementi che ho a disposizione non ho visto mezzo reato, però piena e totale fiducia nella giustizia. Per fortuna i tempi di tangentopoli sono passati”.

LEGGI ANCHE:

Migranti, Sala dalla Liberty Island di New York: “Di qui passati 254 Salvini”

VIDEO | Salvini: “C’è la camera da letto al Viminale, ma gli altri ministri che facevano?”

M5S. SALVINI A GRILLO: NON PRENDO LEZIONI E INSULTI DA UN COMICO

“Grillo dice che ‘manderebbe Salvini a calci in culo a lavorare’? Io da Beppe Grillo non prendo lezioni e insulti…ma chi sei? Vieni a fare il ministro dell’Interno per una settimana e vediamo che fai. Le minacce di morte non te le becchi tu che fai il comico a Cinque stelle, se la prendono con me…ma non mi fanno paura eh”. Così Matteo Salvini, su Facebook, ribatte all’intervista del fondatore del Movimento cinque stelle.

MIGRANTI. SALVINI: PORTI CHIUSI, CONTE NON PENSI DI DARMI ORDINI

“Nessun ministro e neanche il presidente del Consiglio pensi di ordinare a me di far arrivare le navi con i migranti in Italia. Se qualcuno pensa di riaprire i porti ha trovato il ministro e il partito politico sbagliato”. Così Matteo Salvini, parlando su Facebook.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

17 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»