Come funziona Immuni, la app anti-Covid

Ieri il commissario Arcuri ha affidato l'incarico alla società milanese Bending Spoons che ha offre la licenza d'uso gratuitamente
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – La app che ‘salverà’ gli italiani si chiama Immuni ed è realizzata dalla società Bending Spoons a titolo gratuito per il governo. Ieri la firma da parte del commissario straordinario Domenico Arcuri dell’ordinanza che affida l’incarico alla società milanese. Il principio di base del tracciamento è abbastanza semplice: ogni smartphone genera un identificativo temporaneo che viene trasmesso e registrato dagli smartphone vicini. Quando qualcuno risulta contagiato i suoi codici identificativi vengono caricati su un server e le persone che gli sono state vicine vengono avvisate con una notifica.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Iss: “Curva in decrescita, ma il virus non sta scomparendo”

APP SI INSTALLA SU BASE VOLONTARIA

L’installazione della app e l’aggiornamento dei propri dati sanitari avviene su base volontaria. Arcuri ha scelto Bending Spoons “per la sua capacità di contribuire tempestivamente all’azione di contrasto del virus, per la conformità al modello europeo” di tracciamento “e per le garanzie che offre nel rispetto della privacy“.

La società offre la licenza d’uso al governo “esclusivamente per spirito di solidarietà e quindi al solo scopo di fornire un proprio contributo volontario”. Sempre a titolo gratuito “ha manifestato la propria disponibilità a completare gli sviluppi informatici che si renderanno necessari per consentire la messa in esercizio del sistema nazionale di Contact tracing digitale”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»