I lavoratori di Roma Metropolitane pronti a bloccare San Giovanni

ROMA - I dipendenti di RomaMetropolitane
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – I dipendenti di RomaMetropolitane sono in assemblea permanente per protestare contro il pignoramento degli stipendi causato dalla causa persa dalla società nei confronti del gruppo di costruzioni Salini in merito ai lavori della linea B1. E nel pomeriggio la protesta si trasferirà nel cantiere di San Giovanni. Come anticipato ieri dall’agenzia stampa Dire, a causa del pignoramento dei conti i lavoratori della società comunale non riceveranno lo stipendio di febbraio.

“Questa mattina- ha spiegato Gaetano Mazzone, del Rsa Cgil- sono venuti a relazionarci l’au Cialdini, il segretario dell’assessore Meleo, Scotto, e il presidente del collegio sindacale Di Caterino. Ci hanno detto che la situazione è critica e che gli stipendi sono bloccati. L’amministrazione ha detto che cercherà di risolvere la situazione in tempi brevissimi. Martedì faranno una delibera di giunta con lo sblocco di 12 milioni fuori bilancio. Il Comune era a conoscenza del problema e doveva intervenire per tempo per evitare tutto ciò”.

Tutto ruota intorno alla richiesta fatta da RomaMetropolitane al Comune di saldare il conto della causa persa. Una richiesta, spiegano i sindacalisti, a cui il Comune, “alcuni mesi fa”, ha risposto negativamente, nonostante il Comune sia il finanziatore, dicendo che non avrebbe voluto produrre spese fuori bilancio.

“L’assemblea- ha aggiunto Roberto Longobardo del Rsa Fit Cisl- ha deliberato di spostare la protesta al cantiere di San Giovanni per bloccare i lavori oggi. Poi quotidianamente, in base a come andranno le cose, siamo pronti a tornare a San Giovanni. Se martedì non esce questa delibera si alzerà ancora di più il livello dello scontro”. Durante l’Assemblea, forse per la tensione accumulata, una dipendente ha accusato un malore ed è stata portata via in autoambulanza all’ospedale San Giovanni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»