hamburger menu

Vendite da record per i libri nel 2021. Cresce l’editoria indipendente

Aumento del 16,6% nel numero di copie acquistate, per un totale di quasi 1,5 miliardi di euro di vendite

libri libreria

ROMA – Il mercato del libro segna un record assoluto nel 2021: il valore delle vendite rilevate dal Panel GfK sfiora il miliardo e mezzo di euro. In base all’elaborazione GfK per l’Associazione degli editori indipendenti (Adei), il numero di copie vendute cresce del 16,6%, il valore del mercato a prezzo netto di copertina progredisce del 14,7%.

All’andamento del mercato contribuiscono tutti i principali generi editoriali; i libri per bambini e ragazzi crescono del 12% in volume, mentre la saggistica e la manualistica registrano un aumento delle copie vendute rispettivamente del 10% e del 26%. Infine, la narrativa che rispetto al 2020 segna un deciso rialzo (+21% in copie e +15% in valore). Prosegue anche nel 2021 il boom di vendite dei fumetti che, caratterizzandosi per un prezzo medio inferiore ai 10 euro, determinano un abbassamento del prezzo medio del mercato.

Un dato particolarmente interessante riguarda gli editori indipendenti, che raggiungono il 43% del mercato in copie, guadagnano ulteriori punti percentuali rispetto allo scorso anno, con particolare attenzione alla narrativa straniera in cui il dato sfiora il 50%. Come sottolinea Marco Zapparoli, Presidente di Adei, “è stato un anno di grandi soddisfazioni per l’editoria indipendente e per il mondo del libro in generale. Tra i dati che voglio sottolineare anche la crescita del 5% di vendita dei titoli di catalogo, un altro importante risultato a vantaggio della bibliodiversità”. Aggiunge Isabella Ferretti, vicepresidente di Adei con Francesca Archinto: “Gli effetti positivi della legge sul Libro, entrata in vigore in piena pandemia hanno portato altri due benefici: 20 milioni in più a vantaggio dei rivenditori, e un contenimento dei prezzi di copertina”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-01-17T16:13:36+02:00