Quasi un alunno su due ha cambiato insegnante di sostegno

Non aiuta l'ingente numero di contratti a tempo determinato: circa 100mila supplenti annuali, tra i quali 41mila impegnati nel sostegno ai disabili
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Sono oltre 100mila gli alunni con disabilità (il 43% del totale) su 233mila che quest’anno hanno cambiato insegnante di sostegno. E’ uno degli effetti della mobilità delle scuole statali secondo il rapporto di Tuttoscuola.com, che in generale ha riguardato oltre 250mila docenti, uno su tre.

A livello generale, gli alunni che hanno iniziato l’anno scolastico con almeno un insegnante nuovo sono più di 2 milioni e mezzo (33%). Secondo il rapporto, ad alimentare il clima di instabilità che ruota attorno ai docenti, non aiuta l’ingente numero di contratti a tempo determinato: circa 100mila supplenti annuali, quasi il 13% dei posti, tra i quali 41mila impegnati nel sostegno ai disabili. Una discontinuità didattica che non aiuterebbe gli alunni affetti da disabilità – ripartiti quasi equamente tra nord e sud – che necessitano di un rapporto con il docente nettamente maggiore rispetto agli altri ragazzi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»