Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Vaccino, Ema: “Ok a dose richiamo J&J dopo almeno due mesi per over 18”

Johnson & Johnson
Il rischio di trombosi in combinazione con trombocitopenia (TTS) o altri effetti collaterali molto rari dopo un richiamo non è noto e viene attentamente monitorato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il comitato per i medicinali umani dell’Ema (Chmp) ha concluso che una dose di richiamo del vaccino Janssen (Johnson & Johnson) contro il Covid-19 può essere presa in considerazione almeno 2 mesi dopo la prima dose nelle persone di età pari o superiore a 18 anni.

La raccomandazione segue i dati che mostrano che una dose di richiamo del vaccino Janssen anti Covid-19 somministrata almeno 2 mesi dopo la prima dose negli adulti ha portato ad un aumento degli anticorpi contro SARS-CoV-2.

Il rischio di trombosi in combinazione con trombocitopenia (TTS) o altri effetti collaterali molto rari dopo un richiamo non è noto e viene attentamente monitorato.

Il Chmp ha inoltre concluso che una dose di richiamo con il vaccino di Janssen può essere somministrata dopo 2 dosi di uno dei vaccini mRNA autorizzati nell’Unione europea: Comirnaty (di Pfizer/BioNTech) o Spikevax (di Moderna).

Come per tutti i medicinali, l’Agenzia europea per i medicinali continuerà ad esaminare tutti i dati sulla sicurezza e l’efficacia del vaccino Janssen anti Covid-19.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»